RICHIESTA

"Non potrebbe andare meglio!"

Il produttore di birra Arcobräu si affida completamente ai nuovi sistemi HEUFT, sia per l’ispezione a tutto tondo delle bottiglie di birra vuote sia per la corretta etichettatura di quelle riempite, per quanto riguarda la sua famosissima Mooser Liesl.

La Mooser Liesl ha avuto molto successo in pochissimo tempo. La tradizionale "Helles" bavarese è stata votata come "bevanda dell’anno" nella categoria birre tedesche solo tre anni dopo il suo ritorno nel 2015 – ed ha raggiunto il decimo posto nella classifica delle più vendute marche tedesche con una produzione di 88.000 ettolitri. L’azienda Arcobräu Gräfliches Brauhaus GmbH & Co. KG ha iniziato ad installare un nuovo equipaggiamento di controllo qualità per il corretto riempimento di questa e altre specialità di birra: grazie a ciò non solo è possibile servire la birra, prodotta con speciali tipi di malto e luppoli naturali a Moos nella bassa Baviera, in comodi boccali con il caratteristico marchio "Liesl", come nei tempi antichi, ma anche gustarsela a casa in impeccabili bottiglie di vetro. Una nuova generazione di sistemi HEUFT sta ispezionando da più di un anno le bottiglie vuote mentre una nuova etichettatrice “top di gamma” verrà installata a breve.

 

Arcobräu dà molta importanza alla sicurezza di tutti i contenitori utilizzati nelle proprie fabbriche: marroni (Euro e NRW) da 0.5L, marroni, verdi e trasparenti (Euro) da 0.33L e così via per tutti gli altri. Pertanto l’ispezione dei contenitori vuoti tramite il compatto dispositivo HEUFT InLine II IR copre l’intera superficie dell’imballo primario al fine di trovare crepe nelle pareti, schegge taglienti all’altezza della baga o le più svariate tipologie di oggetti estranei sul fondo. Inoltre anche un aspetto esteriore perfetto è importante per la fabbrica della Bassa Baviera, che possiede un output di produzione annuale di più di 160.000 ettolitri, come tiene a sottolineare il mastro birraio Günther Breitenfellner, che è responsabile dell’intera tecnologia di produzione: "Non vogliamo assolutamente alcun segno di scuffing nei contenitori di Mooser Liesl da 0.5L e 0.33L. L’ispettore è settato con margini molto stretti in questo caso, mentre per quanto riguarda le bottiglie NRW tolleriamo uno scuffing minimo."

 

Affidabile rilevamento dello scuffing con tolleranze regolabili individualmente

È pertanto una buona cosa che la doppia ispezione delle pareti riesca a rilevare il più piccolo segno di scuffing e che le tolleranze del sistema adattivo di elaborazione immagini HEUFT reflexx² siano regolabili individualmente in modo da venire incontro alle esigenze del birrificio Arcobräu. Un controllo all’ingresso, montato prima dell’ispettore, assicura che i vuoti non conformi al formato o non utilizzabili per altri motivi vengano rimossi tramite l’espulsore HEUFT mono ancora prima di essere ispezionati dal compatto HEUFT InLine II IR. Questi non sono gli unici motivi per cui il birrificio ha scelto questo ispettore, basato sulla piattaforma elettronica HEUFT SPECTRUM II e con un output di produzione di 40.000 contenitori / ora, ma anche perché rileva correttamente bottiglie vuote con scuffing, contaminate da schegge di vetro e residui di soda caustica, oppure danneggiate e le espelle con attenzione facendole rimanere in posizione verticale. "Soprattutto, HEUFT DELTA-K è riuscita risolvere brillantemente il problema della stabilità delle bottiglie espulse", elogia così il mastro birraio Sig. Breitenfellner. “Inoltre abbiamo deciso in favore di HEUFT per la tecnologia delle telecamere, i tempi brevi dei cambi formato e il controllo del nastro trasportatore prima e dopo l’ispettore”.

 

“Paragonata agli altri fornitori, HEUFT, con la quale Arcobräu ha ottimi rapporti da almeno 15 anni, ha trionfato in tutti questi aspetti ed in particolare nelle regolazioni in tempo reale del nastro trasportatore, fattore fondamentale per l’alimentazione armoniosa e continua delle bottiglie agli ispettori. Il Sig. Breitenfellner ha così continuato: “ HEUFT synchron ci ha anche fornito un bancale di sfilamento angolare. Le bottiglie passano da un trasporto multi-catena ad un nastro monofilare tramite questo compatto sistema di sfilamento che lavora su una curva a 90 gradi. Heuft è stata l’unica azienda in grado di fornire questa soluzione e il suo relativo controllo."

 

Comprovata qualità di etichettatura con tecnologia allo stato dell’arte

Questa soluzione assicura il corretto ingresso delle bottiglie appena riempite nell’etichettatrice HEUFT TORNADO , la quale svolge il suo attento compito di etichettatura a colla umida fin dal 2005, in modo costante e senza interruzioni. Mr Breitenfellner ricorda che “la tecnologia e la velocità della sostituzione dei pezzi di ricambio sono stati fattori decisivi nella scelta della macchina a suo tempo. Ma soprattutto come clienti riceviamo un trattamento esemplare. Prima, durante e dopo l’installazione, nelle fasi di ottimizzazione del dispositivo, HEUFT ha sempre fatto un’ottima impressione: l’etichettatrice è tuttora funzionante e HEUFT ci ha sempre garantito la manutenzione e i pezzi di ricambio."

 

Ciononostante, è ormai giunto il momento di sostituire l’etichettatrice attuale con un sistema nuovo, moderno e allo stato dell’arte. Anche in questo caso “abbiamo dato la preferenza ad HEUFT e scelto un’etichettatrice di ultima generazione, capace di unire le tecnologie più recenti con soluzioni che già in passato hanno dato prova del loro valore”. In effetti, il versatile HEUFT TORNADO II classic, che verrà installato l’anno prossimo nella linea di riempimento Arcobräu, offre un livello senza precedenti di automatismo, prestazioni e affidabilità operativa nell’applicazione di etichette a colla umida, autoadesive e avvolgenti a cui unisce un design costruttivo classico, robusto e di comprovata qualità. Verrà equipaggiato con due stazioni di etichettatura a colla umida accoppiate elettricamente, con inclusa funzione CIP (clean in place), per l’etichettatura del collarino, del corpo, della spalla, del retro e del collo delle bottiglie Moos. Mr Breitenfellner spiega che "produciamo anche formati con rivestimento in alluminio, con il foil che copre l’intero collo della bottiglia" in aggiunta alle Mooser Liesl e ai vari formati di birra chiara, scura, di frumento o pils. "HEUFT ci ha promesso etichette prive di pieghe ed io so per certo che HEUFT mantiene sempre le promesse."

 

 

Ricambi veloci e assistenza audiovisiva.

È possibile integrare nell’ HEUFT TORNADO II classic uno speciale sistema di fotocellule per l’immediato controllo presenza etichette e una nuova telecamera intelligente per la lettura e la verifica delle date di scadenza. Queste marcature sono stampate a getto d’inchiostro direttamente nell’etichettatrice con cartucce e materiali consumabili forniti da SIMACO, del gruppo HEUFT. L’espulsore HEUFT DELTA-K, posto all’uscita del dispositivo, assicura l’espulsione in posizione verticale di quelle bottiglie che dovessero presentare errori di stampa o di etichettatura. "Per quanto riguarda ciò che ci è stato mostrato finora si stratta di tecnologia di altissimo livello" racconta il mastro birraio. Su tutto spiccano l’ottimale accessibilità per facili lavori di manutenzione e pulizia, i cambi formato totalmente automatici assistiti da una guida audiovisiva basata sull’unità di controllo SPECTRUM II e la comprovata interfaccia utente HEUFT NaVi : "HEUFT ci ha garantito una velocità di cambio formato che la concorrenza non è stata in grado di mantenere".

 

Mr Breitenfellner si dice sicuro che l’installazione e l’avviamento della nuova etichettatrice avverranno come pianificato. Dopo tutto, da questo punto di vista ha già avuto una positiva esperienza con l’installazione di un ispettore bottiglie vuote di nuova generazione. Come ricorda: “era stata pianificata una settimana di lavoro”, incluso lo smantellamento del vecchio dispositivo da parte di un altro fornitore. "E HEUFT ha fatto di più di quanto promesso, finendo il lavoro con tre giorni di anticipo." È rimasto favorevolmente impressionato anche dalla collaborazione del personale: "che si trattasse di tecnici, responsabili dei progetti o personale del settore service: come mastro birraio ho trovato tutto “buonissimo” – non avrebbe potuto andare meglio!". Così come gli amanti di una buona birra troveranno “buonissime” le Mooser Liesl di Arcobräu, godendosele da bottiglie in vetro dal look perfetto.